Notice: Undefined index: url in /home3/vsexyshu/public_html/wp-content/plugins/wp-criticalcss/lib/WP/CriticalCSS/Log.php on line 46

Flo

flo

E TUTTO COMINCIÒ

 

Flo non vi parlerà mai di una sua storia. Le piace qualche rara volta ascoltare quelle degli altri, concordiamo che ognuno ha una storia incredibile e bellissima. E’ molto bello condividerla ma é l’unica intimità di cui lei é molto meno capace; Preferisce soprattutto non motivare tra le righe le sue scelte con le esperienze che potrebbe aver vissuto, e nemmeno le appartiene parlare di cose che sente la limitino. Lei é sempre qui e ora, il passato é passato. Anzi vi dirà che: Non lo ha, non l’ha mai avuto. Flo non ci saprebbe nemmeno definire imbarazzati, perché lei non conosce granché il concetto di vergogna. Lo riduce a un suo percepirci piuttosto rigidi e spaventati. Un turbamento di fondo che lei non ha o almeno non in nostra misura. Con Flo trionfa la gioia, la vita, il sentimento; Nel mondo di Flo la sola cosa degna di imbarazzo é la cattiveria, che di suo impulso capisce ancor meno e non include. Potrò parlare attraverso e insieme a lei, ad esempio di emozioni e sensazioni sessuali a volte anche infantili, perché questo é il suo, il nostro mondo, un nucleo libero dall’ipocrisia e da allarmismi prevenuti e malintesi. In questa terra di Flo non si fugge a tutto gas da nulla, né si attacca nessuno, perché non occorre. Esprimere la libertà di Flo é vitale per lei, di obiettivo e dedizione per me e se ci verrà concesso come sicura e fiduciosa ritengo, sarà forse per diversi lettori di queste mie tranquille e per me terapeutiche e sublimate storie sessuali qualcosa che non vorrà più tornare indietro. Con Flo non troverete in priorità basilare un giusto/sbagliato, un contenuto che i più maliziosi trovino sempre appropriato/consono. Ma sentimento e tutto quello che il mondo vostro ci ha impedito e precluso specie agli uomini ampiamente, di comunicare e coltivare. Non solo eros, ma oltre sebbene riconoscendolo come fonte da cui tutto possa diramarsi e svilupparsi, alla fine é un pretesto per parlare ancora del cuore di “Flo” e sapendo andare oltre. L’argomento sesso sarà non solo in piccolissima parte uno specchietto di allodole ma avrà molte funzioni, ora unificanti ora carburanti e quanto altro. Questa saga Flo anzi viaggio sognante apparterrà sia a Vizio Proibito sia al mio network e se sorte vorrà col contributo e aiutino di altri appassionati scrittori, o persone semplicemente entusiaste di condividere esperienze ricche fantasie e la loro unicità insomma specie sul piano intimo sessuale più spinto o perverso anche, ed emotivo. Tutto cominciò dunque, che una ragazzina qualunque compì 12 anni… trovandosi in un bosco…si tratta di un sogno? un pensiero? e a chi appartiene? Chi può dirlo, Sarah ad ogni modo era lì distesa beata sul prato… così ricorda la sua amichetta Flo…

 

sarah

 

Quella volta dopo aver a lungo giocato con me, Sarah si accasciò sfinita e felice nel prato tenendomi per mano. Rimasimo a guardare il cielo senza dirci nulla, osservando senza fiatar parola quanti esseri buffi potevano emergere da bianche nuvole. Ogni tanto indicavamo col dito quello che ci appariva una forma riconoscibile e con voce lieve ci dicevamo “uomo col nasone” ” strega” ” orso” ecc. Stavamo sempre nude, per me era una cosa più che normale essere libera e in quel breve tempo lo esprimevo stando sempre spogliata del tutto: Mi inseguivano per darmene sempre di santa ragione ma io correvo sempre più veloce di tutti loro. Che bello… Ad un punto Sarah, mia amica da veramente poche settimane, mi sa anche solo giorni, si girò verso me e mi trinse in un abbraccio così lungo e forte che secondo me in quel momento abbiamo abbracciato il mondo. Poi mi prese il viso come noi vedevamo in scene di film d’amore appassionato e mi diede un bacio sulla bocca come saprebbe fare solo una ragazzina di quell’età. Io credo che in quel momento mi son sentita così felice che il tempo si dev’essere fermato per farci un inchino. Stavo crescendo anche io, Sarah ancor di più scalpitava di diventare grande…ma capii per sempre che quel momento in cui Sarah diventò bellissima lo avrei afferrato e non lo avrei lasciato più andare. Così divenni Flo, e questo é il solo ricordo del mio passato che vi regalo e uno dei pochi che sento meriti di quel tempo. Non c’è stato solo questo, ma tra le impressioni di bambina é quello che non cambierei con niente. Sarah mi fece vedere qualcosa che non so spiegare, ed io scelsi per la vita di continuare quell’esperienza. Ci frequentammo ancora per diversi mesi da lì, ma un giorno di domenica non la rividì più. Quella domenica capii appieno, e aggrappata a quel dolce ricordo in quel mentre difficile ideai sicura chi volevo essere, dove volevo andare, e non avevo nemmeno quattrodici anni! Vi parlerò ancora della mia amica Sarah, ve ne dirò bene. Si ripeté comunque la stessa scena mesi avanti, sempre di primo pomeriggio. Sarah però evitò di netto di contraccambiare un mio abbraccio, e mi rimase di lei questa immagine assorta, di torpore e triste. Guardava altrove e lontano. Si aggiunse perciò che da quel giorno, oltre la bella esperienza raccontata, avrei sperato di capire presto o tardi quali faccende me la allontanavano. Sarei sempre rimasta da lì incuriosita di questo sguardo distante e quasi col magone anche in tutte le altre persone. Me ne sentii meglio definita come Flo. Sarah rimase per sempre voltata di spalle mentre timidamente da me spogliava una margherita, per chissà quale amato… Questa é la sola mia storia, e quella più indietro che vi possa raccontare. Anche perché volendo, di altro non saprei ricordare.
 flo
” Può sembrare che questi toni di amicizia appaiano malinconici, ma in realtà io e Sarah per quel breve periodo ci divertivamo come matte e non é che fossimo solo in vena di coccole né così! Ma non mi piace molto quando oggi mi dicono che penso solo al sesso, come voi lo dite… mi sento rifiutata: Io sono fatta così e lo considero solo perché me lo fan notare sempre. Fanno così, “pensa ad altro, fai altro”. Non distinguo questa cosa da me né gli dò una nome…come dicono pure… ecco sì fissazione, o che so, io al massimo lo chiamo essere Flo. Io non faccio notare a loro che sono freddi come il ghiaccio. Ma io so che a volte s’annullano il cuore, per delusioni, non lo capisco molto ma a modo mio sono in grado immaginare. Ognuno é come é. Io vivo di pochissime cose. Mi bastano e ne sono felice. Sarah un giorno di quei tempi mi chiese se conoscevo il sesso. Che vuol dire? mi venne spontaneo esclamare. Trascrissi il dialogo più o meno fedelmente nel mio diario, lo scrissi molto probabilmente con aggiunte mie notevoli, che si uniscono a molte di adesso per renderlo completo e comprensibile. Era un diario che nascondevo bene in posti incredibili e inaccessibili dopo che una volta, con mio stupore e incapacità di capirne, era stato preso in giro e gettato in una pozzanghera. Riconoscevo solo che forse era meglio proteggerlo da lì in poi. Sì, Flo…dài…non fare l’ ingenua…Hai mai baciato un ragazzo? Sì, più piccola baciavo sempre tutti i miei amichetti. E per baciare tutti, li bacio. No Flo, amica, non baci sulla guancia o come quello che ti ho dato io. Per quelli non si sente un brivido fortissimo. Devi sentirti attraversare e stravolgere tutta. Bello… ma io con te quando mi hai abbracciata ero felicissima. Ma amica é più che bello…quello era diverso…non valgono per niente i tuoi baci finora. Devi baciare un ragazzo che ti piaccia tanto. Con la lingua. Blah! Ma che cosa buffa!! E perché mai? E chi? E che ne so! Possibile che non ti piaccia nessuno? Hai ormai tredici anni no? Boh… perché dovrei? Perché é la vita! tu cresci e poi ti innamori e poi ti sposi e fai tanti bambini. Ok…cosa devo fare? Niente, devi farlo solo accadere. Dici allora che devo innamorarmi dei nostri coetanei maschi? Ma molti di loro sono bruttini, altri spintonano o dicono parolacce oppure ci prendono in giro. Se sei tu tra di loro di trattano male e ridono tirando su di naso. Una volta ho provato a coccolare un ragazzo, credimi é scappato che ha fatto da qui a lì dove vedi in pochi secondi. Per il resto i miei amici stanno più dietro ad un pallone con i calzoni sempre zozzi dietro di fango. Non piaccio a loro. L’unico a cui ho voluto bene quasi così era Pietro, ma poi lui s’è offeso forse per qualcosa e non l’ho visto più. Lo conoscevo fin dal’asilo. E se fossero più grandi, Flo? ragazzi molto più grandi dico. Alcuni sono belli davvero, sono diversi, ma sono anche più strani, perché non li capisco mi fanno sentire idiota e piccola così non mi piacciono manco loro. Perché dici questo? Che ti importa se non ti capiscono? Devi farci solo sesso, Flo. E’ la vita, funziona così. Ti innamori e ti fai una famiglia. O non vorresti dei bimbi belli biondi come i nostri bambolotti di quando eravamo piccole? Non vorresti un uomo che ti protegga e ti coccoli sempre? Flo? Non vorresti sposarti con un bell’abito bianco? Te il tuo abito… come lo vorresti amica mia?
Eh, Flo? Non vuoi farti una famiglia quando sarai grande? Tutte sognano una famiglia. Ok…ma che c’entrano gli uomini? coi bimbi piccoli? Come, come? non lo sai come nascono i bambini?? Ma sì che lo so, non capirmi male, ma per me é… forse più come tra amici del cuore, si gioca e ci si vuol bene e si ride tanto, tutto qui, dài. Flo ma i grandi mica stanno a giocare sai…lavorano, han sempre da fare doveri anche per noi, poverini…perciò mica i grandi stanno tra loro solo perché si ride o si é felici. Ci stanno perché ci si deve trovare carini o si ha una grande casa o se ricco per poterci fare dei bambini che poi c’hanno tanti giocattoli. Loro pensano al bene futuro, mica come noi. I grandi sono intelligenti, si sa che stanno insieme perché c’é questo cioé amore e noi più giovani non lo conosciamo l’amore. Mamma me lo dice sempre che io lo capirò tra tanto. Mi dice pure che devo avere tanta fortuna perché sono una rompiscatole e faccio sempre di testa mia. Certo. Anche a me piacciono tanto i ragazzi carini. Sì ma per loro é più importante, perché se si ammirano e si piacciono l’amore riesce molto meglio, sai accarezzarsi ecc. e alla fine lui che penetra lei. Guarda che é complicato e faticoso fatto così come fanno, si devono piacere ma non nel modo che intendi tu, amica. Mi capisci? Umh. Anche se sei più grande di me, sei più piccola. Ti voglio tanto tanto bene. Anche io. Tu non lo hai mai visto un pisello, vero? Io sì invece, sai? Ah, va bene. E com’é? !…certo che so com’è, l’ho visto tante volte, é….é…assomiglia a…beh secondo te com’é? dimmelo tu prima se no non vale. Secondo me é tipo una codina lunga e sottile, che parte tra le cosce sotto e si muove piano tipo come i lombrichi. Tipo la coda di Pussy, che é sottile solo che il pisello é rosa come la pelle e come i vermi. Ora tocca a te. Ecco….sono come….come….ummh Come quei funghi laggiù? Ecco sì, facciamo di sì. Come quei funghi laggiù, vanno bene…forse. Si voltò verso il gruppo di funghi, alcuni rossi a pallini bianchi, piuttosto grossi e molto probabilmente velenosi, altri di tipo chiodini e altri ancora porcini.
funghi
In effetti le poteva risultare attendibile che un pene potesse avere forma vagamente (ma molto vagamente) somigliante, in fin dei conti aveva ormai oltre tredici anni non è che fosse proprio una lattante: Però era davvero strano tutto ciò perché i piselli di suoi amichetti ne aveva anche casualmente visti ed ora, non si ricordava proprio più quale forma simile avessero. Questo sbalordì l’amichetta Sarah. Flo rispose quella cosa della codina tra le gambe raccontatale da una bambina più piccola tempo prima, tanto per far continuare l’amica nel suo discorso, ma non ne era affatto convinta: In verità in quella precisa fase non aveva la più pallida idea di come fosse un sesso, come se avesse per un breve tratto rimosso di netto delle cose anche a rigor di facile logica. Flo insomma viveva in un mondo tutto suo, cosa che già per certi versi fa attualmente perciò figurarsi in un età strana come quella. Flo ma che stai dicendo? Come non lo sai? Non lo immagini nemmeno? Eppure non è difficile. Non mi importa molto, te l’ho detto, che ne so io? E pure tu non lo sai mica tanto…magari più che a un fungo somiglia ad altro, non credo che i funghi che mangio ci potrebbero assomigliare: Il cibo é cibo. Che c’entra! Se é per questo somiglia di più a una banana, perciò ora non guardare le banane in modo strano, é normale, é capitato così che zucchine e banane e cetrioli li somigliassero mica ci possiamo fare nulla. Per esempio, gli scemi della classe terza H cioè i tuoi compagni mi ridono sempre quando mangio la mia frutta a merenda, mi fanno amm, gnamm, buonaa e se lo tastano perciò ora hai capito amica mia? Possibile che non m’ hai capito? Ma in che pianeta vivi? Mi fai preoccupare, sai… Il mondo ha tanti pericoli e come farai se non conosci le cose più importanti, amica? Non é importante. Io però mi immagino cose diverse da come dici tu. Non mi piace questa cosa della banana o della zucchina, secondo me invece sono tutte cavolate per metterci in confusione a bambine come noi: La verità é un altra e pochi la sanno.
alieni
La verità é che i piselli sono esseri piccolini che dormono dentro baccelli e si trasformano e non lo dice nessuno perché é un segreto ma é così, sono esseri che vengono da lontano e che parlano coi maschi, per questo pensano tutti che fanno parte del loro corpo, e un po’ é vero anche, ti spiego meglio? Perché mi guardi così male, c’hai una faccia… Ma tu stai bene? Perché dici queste cose assurde? Allora tu non sei più mia amica perché non ti va di ascoltarmi e fai come i grandi che mi guardano così come fai tu, anche la mia mamma e mi dice pure che sono pazza, che non so cosa vuol dire ma forse vuol dire che non mi crede nessuno, forse perché faccio o dico qualcosa che non so cos’é e forse é cattiva. Va bene Flo, io ti ho capito, mi stai dicendo cose di fantasia e vuoi che le ascolto senza giudicarti. Va bene, ma non dirmi che non vuoi essermi più amica però. Ti ascolto se é questo che vuoi. Brava. Io lo so come stanno le cose, ma ci stanno solo qui, in questo mondo. In realtà vicino a tutti noi c’è un altro mondo molto bello anche quello e con tante cose. Lì ci sono anche le risposte. E come ti dicevo, lì tra persone é più bello. I piselli possono cambiare tante forme, dipende da molte cose che lì ci sono. Per esempio, tanti esseri lì hanno la forma di un ramo, o di un bastoncino anche piccolo e sottile: Ma poi può succedere che diventa grosso e lungo e da lui partono delle sfere che fanno come una specie di solletico o qualcosa così. Ma può servire a tante taante altre cose diventare un bastone così. Per esempio per darti in testa ai rompiscatole, o per altri usi, o per trasformarsi in un albero e star lì facendo le cose di un albero che tutti sanno.
piselli
“…….. Capito, Sarah? Ma i piselli del mondo vicino non cambiano forma solo per le cose che vogliono raggiungere o fare, ma di più anche per i loro stati d’animo, tipo quando si sentano più arrabbiati, o più affettuosi, o tristi o deboli o spaventati che so. Alcuni invece rimangono sempre gli stessi: Un gruppo di piselli per esempio sembra cattivo per il suo aspetto ma in realtà loro sono solo dei burloni, possono incutere un poco di paura ma non solo sono buoni ma essi difendono chi è stato violentato o maltrattato, e così facendosi notare vogliono avvisare che possono anche renderti pan per focaccia. Poi certo, ce ne sono invece di davvero cattivi sai, che da innocui diventano molto complessi e appuntiti, ma non quelli di cui ti sto parlando, a parte i cattivi gli altri di solito vogliono non solo dare amore e piacere ma fare e dirci tante altre cose. Gli alieni burloni però non possono dare piacere, non ne sentono bisogno…però possono divertire o appunto fare scherzi, ma proprio no loro sono particolari e figurarsi se si avvicinano tra loro, più spesso si incastrano…prima o poi li riconosci come gli altri esseri anche perché si aggirano tranquilli alla luce del sole, e sono fatti così: (….) e però ce ne sono altri ben più complessi e più burloni, con spuntoni da tutte le parti, mentre questi di cui ti dico sono davvero i più semplici e timidi.”

“…..Poi però mica ci sono solo gli alieni puntuti, come ti ho detto di esseri nel mondo accanto ce ne sono davvero tantissimi! Ci sono draghi che, quelli sì, o meglio alcuni, sono cattivi davvero sai? Se ne stanno sempre nascosti e non cambiano forma, loro sono pieni di spuntoni e non fanno altro per vivere se non fare male. Da quelli, Dio ce ne scampi!

 

 

draghi

 

E come faccio a difendermi da loro, Flo?

Beh Sarah se vivessero qui per loro non ci sarebbe scampo: Qui ci si giudica e ci si fa un’idea di ogni persona anche se non la conosci, perciò specie loro non riuscirebbero mai a cambiare, a guarire o togliersi un vizio anche piccolo in questo mondo qui dove siamo. Non ci sarebbe nessuna possibilità per loro, e manco noi ne abbiamo tante e lo so anche se sono solo una ragazzina. Guarda per esempio come s’è sparsa una voce a scuola che il nostro amico Riccardo sia figlio di un delinquente, ma questo anche se ormai sanno che non è così. Solo perché lui raccontò un aneddoto di sua invenzione poi, invece di ridere è finita così. Ti pare giusto? Questo non accadrebbe mai e poi mai nel mondo vicino. Ecco perché anche gente cattivissima come i draghi puntuti cambiano e diventano buoni tantissime volte, perché lì se ne prendono cura, anzi senza manco bisogno di dare loro affetto o ascolto, basta pensarli alieni che sbagliano e che possono non sbagliare più, non vengono mai esclusi in quel mondo.

Che bello Flo…davvero…non è possibile vivere in quel mondo che dici?

No, perché tu sei nata qui. Sei fatta per crescere solo qui, non puoi sopravvivere lì e ti mancherebbe tutto di qua. Ma con questo mondo tu ci puoi parlare, come ci parlo io. Non è difficile se ci provi.

No…non credo che son capace…non so manco che devo fare, è tipo come sognare la notte? O come pregare? Come faccio a parlarci?

Sarah prova a pensare a una cosa che di solito non penseresti, per esempio io ti ho parlato degli alieni che conosco…tu sei sicura che non hai alieni amici di quel mondo? Provaci…

Noo…non ne ho…non penso…

Provaci Sarah…Provaci. Come sono?

Ecco…sono…sono…rotondi, sì! tondi!! tipo sfere! E mi danno piacere e gioia!

Perché?

Perché hanno piume, son piumosi, e sono, sì, sono sfere bianche e blu con piume tutt’attorno.

E ti vogliono bene?

Un bene infinito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SITO PER ADULTI +18


Benvenuto
Questo sito contiene immagini e filmati di materiale per adulti.
Se sei minorenne o ritieni offensivo il materiale pornografico puoi uscire subito dal sito cliccando su ESCI
  Cliccando su ENTRA o continuando con la navigazione sul sito www.sexyshopvizioproibito.it, dichiari di essere maggiorenne e di essere d'accordo con i contenuti.